poteva andare peggio!

LdC e iOS7.

30 Settembre 2013

icosoHo aggiornato il mio iPhone4 ormai vintage con il nuovissimo sistema operativo: da vera kamikaze dell’informatica non sono neanche passata dal 5, ho aggiornato direttamente a iOS7.

Vabè, dove sta il problema, si chiederanno i miei venticinque lettori.

Niente di che, a parte averlo fatto a puntate perché a casa non avevo il pin della mia sim e in ufficio non avevo il computer con il backup sopra e in mezzo ci è passato un week end… dicevo: niente di stupefacente, è che mi sento come nel racconto di Stephen King, Pet Sematary, che vanno a seppellire la gente nel cimitero indiano e questa gente torna sì, ma fa cose strane, non è mica più quella di prima.

Se non mi leggete per qualche giorno preoccupatevi: forse il mio iPhone mi ha mangiata.

LdC

Only registered users can comment.

  1. Una cosa del genere succede perché la nuova generazione di costruzioni che sono state eretti alla fine degli anni 60, sono i cosiddetti “edifici a telaio in acciaio”. Nonostante la credenza sbagliata della gente, prima delle torri del WTC, mai, in nessuna parte del mondo, è avvenuta una demolizione per implosione di nessun grattacielo di quel tipo. In primo luogo, perché la maggior parte dei grattacieli erano edifici nuovi e quindi il tempo della loro demolizione non era ancora arrivato. L’edificio più grande distrutto da un’implosione fu uno di 47 piani, l’Edificio Singer nella città di NY, costruito nel 1908 e demolito nel 1968 grazie al suo essere obsoleto. Questo edificio era una struttura molto più debole rispetto ai grattacieli incredibilmente potenti con telaio in acciaio. Pertanto, non è possibile demolire un edificio come questo con mezzi comunemente noti. In tempi in cui gli edifici sono stati coperti con pannelli di mattoni e cemento, le loro strutture solevano avere colonne e travi in calcestruzzo. A volte queste strutture erano rafforzate con impianti in acciaio, anche se a volte erano di solo calcestruzzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *