Diari della quarantena

Una riflessione estemporanea

17 Marzo 2020

Oggi ho ordinato il cibo per i gatti su Amazon e mi sono sentita in colpa, così mi sono fermata a riflettere.

Se compro il cibo per gatti online sono una brutta persona perché faccio girare i corrieri.

Se non compro online, quindi esco per procacciarmi ciò che mi serve, sono una brutta persona perché esco di casa, ecc…

Se vado a fare la spesa sono una brutta persona perché le file, gli ingressi compartimentati, ecc…

Se non vado a fare la spesa non faccio girare l’economia, quindi sono una brutta persona e farò chiudere gli esercizi commerciali.

Se ordino una pizza su Just Eat sono una brutta persona perché i riders sono sfruttati.

Se mi faccio la pizza in casa Eh però così resteranno tutti senza lavoro…

Non è stato facile, ma alla fine credo di avere trovato una soluzione: fare quello che mi pare e non dichiararlo sui social, visto che non è obbligatorio.

Vi farò sapere se funziona.

LdC

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *