cerco casa disperatamente | home sweet home | il cielo è sempre più blu

Cercavo casa disperatamente.

28 Marzo 2011

Periodo di bilanci: ormai la casa nuova è stata scelta, le case attuali vendute, un primo microscopico pezzo di trasloco fatto. No che non vi aggiorno in real time su ogni pezzettino di arredamento che scelgo né di ogni libro che infilo in uno scatolone! Dio ve ne scampi e liberi da questo onere! Vi mostrerò tutto alla fine, statene certi.

Ci tenevo però a rendicontare la scelta fatta sulla base dei punti imprescindibili che ci eravamo prefissati, tanto per capire com’è andata, su cosa ci siamo piegati e che, quindi, alla fine, si è dimostrata una questione di non vitale importanza.

1. Che l’appartamento fosse raggiungibile in pausa pranzo. Obiettivo raggiunto: la casa dista cinque minuti a piedi dal mio ufficio e dieci in bicicletta da quello di Lorenzo.
2. Che lo stabile non contenesse più di sei unità abitative. Obiettivo raggiunto: il condominio ha esattamente sei unità abitative.
3. Che la casa non fosse inferiore a 100 mq. Abitando attualmente in 70 mq, non vale la pena affrontare il disagio mentale, fisico e morale di un trasloco per meno di 30 mq. Obiettivo variato: in pratica la casa dove vivevamo, una volta misurata, si è rivelata 50mq scarsi. Il nuovo appartamento è 86mq, per cui di sicuro l’aumento di 30mq c’è stato, ma su base differente.
4. Che fosse lontano da ogni possibile fonte di rumore. Obiettivo raggiunto: tutte le finestre danno su parco pubblico, bambini urlanti a parte (sui quali ci riserviamo di riversare gavettoni all’occorrenza), dovremmo essere tranquilli.
5. Che avesse il balcone.
Obiettivo raggiunto: due balconi abitabili. Uno per noi, uno per i gatti.
6. Che il riscaldamento fosse autonomo.
Obiettivo raggiunto.
7. Che fosse ristrutturata e a norma. Obiettivo raggiunto: se non fossi un’orrenda fighetta sarebbe abitabilissima, il fatto che poi io voglia il parquet e il secondo bagno è un’altra cosa.
8. Che fosse ristrutturata e a norma, ma non nuova da impresa. Obiettivo raggiunto.

E’ quasi troppo bello per essere vero: conoscendomi, non ci crederò fino al 2017 compreso, per scaramanzia.

LdC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *