varie ed eventuali

Provato in prima persona: Lines è.

9 Gennaio 2012

Quando mi è arrivato il pacco contenente l’articolo per la prova sono stata molto contenta: si è trattato della prima confezione in stile natalizio e io, che fino ad allora avevo sentito l’atmosfera con la stessa ondata emotiva del Grinch, mi sono rigirata con soddisfazione questa bella sorpresina fra le mani.

Che poi, sorpresa… sapevo perfettamente cosa conteneva, due confezioni di Lines è, ma comunque ci siamo capiti.

Appena la natura ha seguito il suo corso e la fase lunare completato il suo ciclo, diligentemente ho estratto lo strumento dall’apposito armadietto e l’ho provato. Come prima cosa devo dire che, dalla pubblicità, sembrava una roba gommosissima tipo sottiletta di silicone ed ero un po’ scettica sulla resistenza, poi invece appena aperto ho capito che si trattava di una composizione normale, cioè con una parte assorbente molto sottile come piace a me e una parte adesiva. Un classico, ecco, non una roba tecnologgica e anche un po’ disumana come fanno vedere nello spot ultra-mega-futurista.

(un po’ controproducente, ne converrete con me)

Della qualità e del comfort posso solo dirne bene: prendendo la pillola non sono certo quel che si dice un fiume in piena e quindi la durata mi ha pienamente soddisfatto. Sul prezzo mi permetto di suggerire, anche se non sono un’esperta di marketing, che magari una ritoccata “popolare” non sarebbe una cattiva idea

(il mercato è già così inflazionato!)

L’unica domanda alla quale non ho trovato risposta è: se in commercio esista anche la versione senza ali perché -e qui rivolgo il mio accorato appello a tutti i produttori- non siamo tutte un Vajont in attesa di esondare da un momento all’altro, in quei giorni… c’è un’ampia fetta di utenza femminile dalla produzione medio-scarsa che necessita di assorbenza “limitata” e magari non ha bisogno e tanto meno voglia di mostrare a tutti un paio d’ali che sbucano dal proprio slip.

(alla vista, diciamolo, son bruttine)

Per il momento grazie a Lines per il test, ho ancora parecchio materiale da provare e mi riservo di aggiornare il post se dovessi notare altri particolari da condividere.

LdC

Articolo sponsorizzato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *