amici e balotta | cara LdC | cerco casa disperatamente | che s'ha da fa' pe' campa' | cose importanti | dialoghi surreali | dieci cose | egocentrismo | Evergreen | ex e dintorni | home sweet home | il cielo è sempre più blu | LdC bellavita | malinconie | messaggi subliminali | pensiero del mattino | plagio ergo sum | podcasting | poteva andare peggio! | recensioni | un po' di sano cinismo | up close and personal | varie ed eventuali | viaggi

I miei primi 10 anni di blog.

9 Ottobre 2013

10-years-blog

Sembra retorico e fa scappar da ridere solo a pensarci, ma era davvero ieri che guardavo fuori dalla vetrata dell’ufficio, smaronatissima, e mi son detta Oh vabè, mi apro un blog. Cosa volete che vi dica: erano esattamente dieci anni fa. Avevo ventisette anni, ero una bambina. Vivevo coi miei, ero innamorata di uno che non mi cagava, scrivevo lettere che non spedivo: non che fossi migliore o peggiore, ero semplicemente un’altra persona.

Un po’ ci pensavo nei mesi scorsi perché avrei voluto festeggiare in qualche modo, poi mi è passato di mente finché alcuni giorni fa un amico di lungo corso, su Facebook, mi ha chiesto Ma davvero hai un blog? e io mi sono anche un po’ inacidita. Diamine, scrivo quasi quotidianamente un diario online da tutto questo tempo e il mio amico non se ne è mai accorto? Così ho composto questo decalogo, che è finito dritto dritto sul blog di GGDBologna… ma vi confesso che avevo un po’ il blocco a scriverne anche qui, dopotutto è una tappa importante e coinvolge me e voi davvero da vicino, ci volevano le parole giuste.

Ma le parole che sembrano abbastanza giuste, in certi casi, non arrivano mai… quindi andrò a braccio come sempre: persone, fatti, considerazioni, un romanzo, amici, guai, traslochi, colori di capelli, peso, viaggi, fidanzati e mille, mille altre faccende sono passate da qui, come in un Truman Show, davanti agli occhi di chi mi ha seguita, per un po’ oppure a lungo, chi lo sa, io spero la seconda ovviamente. Dopo la mia famiglia d’origine e il mio lavoro, il blog è il rapporto più duraturo che ho con qualcosa o qualcuno: a volte mi è un po’ pesato perché non sono sempre un vortice di fantasia, a volte mi sono arrabbiata per qualche commento, a volte meno male che avevo questa valvola di sfogo perché altrimenti chissà cosa avrei fatto
(tipo telefonare a qualche sfigato che non l’avrebbe meritato)
insomma, come dice Rose dopo che il Titanic è affondato: sono stata salvata in tutti i modi in cui una persona può essere salvata
(dall’annegamento ancora no ma potrei usare il notebook come zattera, prima o poi)
e se tornassi indietro ricomincerei senza cambiare nemmeno una virgola di tutto quello che ho detto e fatto o testimoniato, avvento dei social network, fashion e food blog compresi, a cui mi sembra di essere sopravvissuta abbastanza dignitosamente, col mio parlar di tutto e di nulla.

Pensandoci non volevo neanche fare la blogstar, era solo un pomeriggio particolarmente noioso…

LdC
(to be continued)

 

Only registered users can comment.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *